Macchina del pane

Macchina del pane

 

Un elettrodomestico molto utile per fare il pane in casa secondo i propri gusti.

La macchina automatica del pane è un apparecchio molto diffuso nei paesi nord-europei: in Germania e Inghilterra ad esempio, nazioni in cui c'è un elevato tasso di consumo di “pani speciali” (ossia fatti con farine particolari, semi o frutta secca) la maggior parte delle famiglie è dotata di un esemplare di questo elettrodomestico.

Negli ultimi anni il prodotto ha preso piede anche in Italia ed attualmente è possibile scegliere tra una vasta gamma di modelli.


Macchina del paneQuesto apparecchio è in grado di portare a termine tutte le fasi di preparazione del pane: impasta, cura la levitazione ed infine cuoce l'alimento.

Un buon pane fatto in casa con questo apparecchio dura mediamente dai 3 ai 5 giorni (se ben conservato in un sacchetto o avvolto in un panno umido) ed è di ottima qualità, pari o addirittura superiore a quella dei prodotti da forno.

Per preparare l'impasto generalmente occorrono dai 5 ai 10 minuti, a seconda della complessità della ricetta, mentre la cottura può variare dalle 2 alle 4 ore, in base alla quantità di impasto da cuocere e alla tipologia di farina utilizzata.

Caratteristiche e componenti della macchina del pane

Da quali elementi è composto il nostro elettrodomestico? Scopriamolo assieme.

Per scegliere l'elettrodomestico più adatto alle proprie esigenze, bisogna valutare una serie di fattori determinanti.

Il primo di questi è la capacità della macchina: a seconda della quantità di pane di cui si necessità si possono scegliere prodotti che vanno da una capacità minima di 0,4 kg ad una massima di 1,8 kg. Generalmente il miglior rapporto qualità-prezzo si ottiene optando per un esemplare dalla capacità di 1 kg di pane per volta.

Attenzione alle varie capacità

Scegliendo ad esempio un modello di macchina del pane che abbia la capacità di 1 kg per ogni cottura, si potrebbe erroneamente pensare che, qualora si volesse prepararne solo mezzo kg, sarebbe sufficiente dimezzare le dosi.

Questo ragionamento è errato in quanto se si vuole ottenere un buon pane, la riduzione degli ingredienti dovrebbe comportare anche una variazione nel programma di preparazione e cottura. Per questo l'ideale è orientarsi verso modelli che hanno la capacità di gestire diverse quantità di impasto e che cambiano la modalità di cottura in base all'esigenza del momento. In questo modo la qualità dell'alimento rimarrà inalterata.

Livelli di cottura

I modelli più recenti hanno delle opzioni avanzate per garantire una preparazione soddisfacente nei minimi dettagli. È prevista ad esempio la scelta di diversi livelli di cottura sia per la crosta che per l'impasto interno: leggermente cotto – cottura media – ben cotto.

Potenza del Motore

Contrariamente a quanto si possa pensare, una maggiore potenza di motore non è necessariamente sintomo di qualità dell'apparecchio, anzi. Spesso infatti un motore molto potente e veloce può portare ad una cottura troppo rapida del pane, compromettendo la qualità del prodotto finale (bruciacchiato fuori e semi crudo dentro). La maggior parte dei tipi di pane, per essere davvero buono, ha bisogno di una cottura lenta e gentile, in modo che si cuocia in ogni sua parte e risulti fragrante e morbido al palato.

Pale interne

Ogni macchina del pane è dotata di una pala interna che serve ad amalgamare l'impasto rendendolo omogeneo e compatto. È importante sapere però che nel momento in cui si supera la quantità di 1,2 kg, è necessario che l'apparecchio sia dotato di due pale, in modo da garantire un risultato ottimale.

Esistono diversi tipi di pala in quanto ogni farina ha le sue particolari esigenze. Per le farine senza glutine ad esempio, è necessario utilizzare delle pale più alte della media. Alcuni modelli hanno queste pale direttamente in dotazione, mentre altri prevedono un set di pale intercambiabili, in modo da garantire la possibilità di preparare ogni tipo di pane esistente.

Consigli per la scelta

Ulteriori caratteristiche per scegliere la prorpria macchina del pane in base all'utilizzo e l'efficenza.

Differenti tipologie di macchine per il pane

Orientarsi nella vasta offerta commerciale di elettrodomestici non è mai semplice. Dopo aver elencato le caratteristiche fondamentali che deve avere una macchina del pane per essere funzionale e rispondere alle necessità dell'acquirente, segnaliamo una serie di dettagli aggiuntivi che completano l'offerta del prodotto:

  • contenitore antiaderente estraibile (di cui quasi tutti i modelli sono dotati)
  • sistema di cottura ventilato (molto frequente nella macchine di produzione più recente)
  • segnalatori luminosi e/o acustici che indicano la fine di ogni fase del processo di panificazione
  • accessori in dotazione come ad esempio i dosatori
  • ricettario in dotazione con l'elettrodomestico
  • timer per programmare l'inizio della preparazione del pane nelle 24 h successive
  • numero di programmi di cottura disponibili (spesso la quantità non conta in quanto le tipologie di cottura fondamentali sono tre o quattro; le modalità aggiuntive spesso sono piccole variazioni di quelle principali)
  • display a cristalli liquidi o touch screen

Risparmio energetico

La macchina del pane è un apparecchio molto utile e conveniente dal punto di vista del risparmio, non solo per il basso costo degli ingredienti (un kg di farina ad esempio può costare dai 30 centesimi a 1 euro per i pacchi speciali già dotati di lievito), ma anche e soprattutto per il consumo energetico dell'apparecchio, che ha un impatto veramente minimo

A conti fatti, una pagnotta da 750 grammi ha un costo energetico che varia dai 6 ai 14 centesimi, a seconda del tipo di contratto che si ha (residente o seconda casa), della fascia oraria in cui si utilizza l'elettrodomestico e del modello scelto. Fare il pane in casa con questi macchinari insomma è conveniente sotto tutti i punti di vista e garantisce la presenza in casa di un prodotto sempre fresco e molto economico.

Affidabilità

Per determinare il grado di affidabilità di una macchina per il pane bisogna fare attenzione innanzitutto alla garanzia: un macchinario affidabile è garantito per almeno due anni. Diffidate quindi dai prodotti coperti da un solo anno di assicurazione. In ogni caso la garanzia da sola non è sufficiente a determinare l'affidabilità di un modello, in quanto nel mercato degli elettrodomestici accade spesso che le catene produttrici nascano e muoiano con frequenza, creando difficoltà di contatto tra produttore e cliente.

La riparazione del prodotto deve avvenire per sostituzione di parti in quanto una macchina guasta dev'essere sostituita direttamente dalla casa produttrice. Bisogna dunque diffidare dai centri di assistenza improvvisati, sprovvisti dei materiali di ricambio o che necessitino di molto tempo per riparare l'elettrodomestico. L'ideale in caso di problemi con la propria macchina del pane è rivolgersi direttamente al rivenditore da cui è stata acquistata, in modo da essere indirizzati ad un centro di assistenza affidabile.

Per quanto riguarda l'apparecchio stesso, si può percepire la capacità di resistenza (e quindi l'affidabilità) di una macchina da alcuni dettagli: il livello di vibrazione ad esempio, è un fattore determinante per questo. Se l'apparecchio quando è in funzione vibra molto, è sottoposto ad uno stress che potrebbe causare guasti più frequenti rispetto ad una macchina che vibri poco quando durante il processo di preparazione del pane.

Altro sintomo di affidabilità è la versatilità: un prodotto che, ad esempio, oltre a preparare il pane è preposto anche alla produzione di dolci o confetture, è sicuramente più affidabile di quelli utilizzabili per cuocere un solo tipo di alimento.

Ricetta e consigli per la preparazione

Piccoli segreti, ingredienti e passaggi per ottenere un buon pane.

Di seguito vi illustreremo un esempio di ricetta per la prepararazione di una forma di pane bianco di circa 1 Kg. La preparazione è davvero semplice e richiede uno sforzo minimo.

Gli ingredienti necessari sono:

  • 500 grammi di farina
  • 350 cl di acqua a temperatura ambiente o tiepida
  • 4 grammi di lievito di birra, possibilmente naturale
  • mezzo cucchiaino da caffè di zucchero
  • 8 grammi di sale

IPanel processo di preparazione è semplicissimo: inserire tutti gli ingredienti nel cestello della macchina del pane, sbriciolando il lievito prima che entri a contatto con l'acqua. Avviare poi il ciclo completo per il pane normale, che dovrebbe durare all'incirca tre ore e scegliere il livello di cottura.

Una volta ultimato il processo di preparazione, togliere il pane dal macchinario e lasciarlo raffreddare per un po' (preferibilmente su una graticola in modo che la pagnotta respiri anche sotto).

Servire a piacimento.

La manutenzione e la pulizia

Consigli utili per conservare al meglio e più a lungo il nostro elettrodomestico per il pane.

La grande comodità di questo elettrodomestico, così come la sua convenienza, dipendono anche dalla facilità di pulizia e manutenzione dell'apparecchio: un grande vantaggio della macchina del pane è che questa sporca pochissimo ed è facilmente pulibile grazie al cestello ed alle pale estraibili, che possono essere pulite semplicemente con un panno leggermente umido.

Per quanto riguarda la sua manutenzione valgono le stesse regole usate per ogni elettrodomestico: spegnere la macchina quando non è in funzione, staccare la presa di corrente dopo l'utilizzo, coprire l'apparecchio o riporlo nella scatola se non lo si usa per un lungo periodo di tempo, riporlo in un ambiente secco e asciutto ed infine tenerlo lontano dalla portata dei bambini.

Le macchine del pane più vendute (fonte: Amazon.it)