Asciugatrice


Si tratta di un elettrodomestico non molto conosciuto da noi, ma popolare in altre parti del mondo.

AsciugatriceUn'asciugatrice, lo dice la parola, asciuga. In pratica è un elettrodomestico che viene posizionato accanto alla lavatrice e in cui si infilano i vestiti appena lavati e freschi di bucato, per essere asciugati.

Esistono anche lavatrici che hanno questa funzione incorporata e permettono di non dover tirare fuori la biancheria per infilarla nell'altra macchina.

All'estero, in paesi come America e Inghilterra le asciugatrici sono davvero molto popolari. Vengono giustamente collocate accanto alla lavatrice, oppure acquistate lavatrici che ce l'hanno incorporata.

L'utilizzo del sistema di asciugatura è particolarmente pratico durante l'inverno quando non si può stendere all'aperto e in casa, con l'umidità i panni ci mettono una vita ad asciugare.

C'è anche chi sostiene che i panni asciugati all'esterno si sporchino di smog ancor prima di essere utilizzati e che invece in questo modo restino più puliti e salutari, in fondo ce li mettiamo addosso! Ma vediamo un po' cos'è un'asciugatrice e come funziona.

Lavatrice, lavasciuga, asciugatrice

Come si può capire esistono tre tipi di elettrodomestici in questo senso: la normale lavatrice che lava solamente la vostra biancheria. Poi c'è la lavatrice che, dopo aver lavato, asciuga senza che tiriate fuori il bucato e infine c'è l'asciugatrice vera e propria.

Nel caso scegliate la prima dovete poi abbinarvi quest'ultima e avrete due elettrodomestici separati, con due funzioni differenti. Il lato positivo è che potete acquistarli anche in due momenti diversi. La lavasciuga è un elemento unico. Poi bisogna capire che uso dovete farne e quanto volete spendere.

Lavatrice e asciugatrice

Nel caso foste già in possesso di una buona lavatrice e non vogliate sostituirla, non vi resta che acquistare una asciugatrice da abbinarle. Per quanto riguarda le dimensioni dovrebbe avere la stessa capacità di carico della lavatrice, in modo che i panni estratti dalla prima, possano andare tutti insieme nella seconda.

Naturalmente i due elettrodomestici vanno piazzati uno accanto all'altro altrimenti poi dovete anche impiegare tempo ed energie fisiche per il trasporto! E non è il caso, noi donne siamo già abbastanza impegnate! Una soluzione per risparmiare spazio potrebbe essere sovrapporli uno all'altro creando una sorta di colonna.

Lavasciuga

In questo caso si avrebbe un solo elettrodomestico che è in grado sia di lavare che di asciugare con una maggiore comodità. Non è necessario estrarre i panni e trasferirli. A quanto viene spiegato pare che questo tipo di macchina consenta di avere un bucato al quale è stata tolta l'umidità, ma che comunque ne conserva in parte.

L'asciugatrice vera e propria, invece secca di più i capi rendendoli più difficili da stirare, ma di questo parleremo più avanti. Con una lavasciuga si risparmierebbe di certo un bello spazio e in case con bagni piccoli è da tenere in considerazione. In questo caso però avreste una lavatrice di troppo!

Le differenti tipologie

Da quella ad espulsione a quella a condensazione, vediamone le caratteristiche.

Lavartrice, asciugatrice e cassettiera riponi indumentiCome dicevamo in precedenza scegliete un'asciugatrice che abbia lo stesso carico della lavatrice e con dimensioni simili, potrete così anche sovrapporle, se non avete spazio accanto alla prima. Sarà poi comodo nel momento in cui dovete trasferire i panni da una all'altra.

Considerate poi che il maggior uso di questo elettrodomestico si fa nei mesi invernali perché con l'arrivo dell'estate si può evitare di utilizzarla risparmiando così energia elettrica, tanto il vostro bucato sarà asciugato dai caldi raggi del sole.

D'inverno invece ci eviterà di avere in giro per la casa il poco estetico stendi biancheria piazzato quasi sempre davanti ai caloriferi!

A parte le dimensioni, c'è un'altra considerazione da fare, ovvero se vogliamo un'asciugatrice con espulsione dell'acqua oppure che elimina la condensa e la raccoglie in una vaschetta, poi da svuotare.

Qui la scelta è personale ed è bene comunque farla consapevolmente. Vediamo le differenze tra i due modelli e le loro caratteristiche.

Modello ad espulsione acqua

L'acqua e l'umidità nei panni vengono trasformate in vapore acqueo e buttate fuori attraverso un tubo opportunamente collegato, e in dotazione, che sarà poi indirizzato verso l'esterno.

Occorre quindi praticare un foro nel vetro o nella parete per fare in modo che il vapore venga disperso nell'ambiente esterno e non all'interno dei locali.

Nel caso non si voglia rovinare muro o vetro è opportuna l'installazione in un ambiente ben aerato, tenendo magari una finestra aperta, in modo che il locale non si saturi di umidità. Questo sistema si può anche chiamare ad evacuazione.

A condensazione

In questo tipo di asciugatrice l'acqua viene raffreddata e poi raccolta in una vaschetta.

Essendo priva di calcare è in pratica acqua distillata che può, invece di essere buttata, utilizzata per il ferro da stiro. Anche qui, volendo, gli scarichi possono essere mandati all'esterno attraverso uno scarico.

Con l'asciugatrice a condensazione dovete però sempre ricordare di svuotare la vaschetta altrimenti l'acqua traboccherà allagando il pavimento, con il rischio di rovinare anche l'elettrodomestico stesso!

Ad ogni modo gran parte dei modelli odierni hanno una spia che segnala visivamente e acusticamente il livello massimo raggiunto.

Diffusione dell'asciugatrice

Le asciugatrici nel nostro paese non sono così diffuse come all'estero dove vengono studiate appositamente, come del resto le lavatrici, per lavorare “in serie”.

L'asciugatrice svolge la seconda parte del lavoro, ma se la lavatrice ha fatto al meglio il suo il risparmio può essere notevole in termini di consumi elettrici e questo non può che far bene alle nostre tasche, nonché all'ambiente.

Insomma i due elettrodomestici sarebbe meglio abbinarli con cognizione di causa. Questo permette un'ottimizzazione dei consumi e un utilizzo migliore di entrambe. Nel prossimo articolo ci addentreremo nella spiegazione.

Come sceglierle e abbinarle

Come scegliere l'elettrodomestico che fa al caso nostro.

Abbinamento lavatrice asiugatriceL'aria per l'asciugatura viene aspirata dall'esterno e riscaldata, questo fa si che vi sia un consumo di corrente elettrica.

In genere un ciclo con questo elettrodomestico dura dai novanta ai centodieci minuti a seconda del programma che si è scelto. C'è da dire che l'asciugatrice, diversamente dalla lavasciuga, lascia i panni più secchi e quindi più difficili da stirare, ma basta spruzzarli leggermente con un nebulizzatore e il gioco è fatto.

Un vantaggio di questo elettrodomestico è che, eliminando il calcare dall'acqua, il bucato risulta particolarmente morbido al tatto. Alcuni modelli hanno anche cicli antipiega, antinfeltrimento per la lana e altro.

Naturalmente più l'asciugatrice è ricca di programmi ed opzioni più sarà costosa, ma questa poi è una scelta che spetta a voi, a seconda delle vostre esigenze.

In ogni caso, per un buon funzionamento e consumi nella norma il vostro bucato dovrà essere centrifugato almeno a 800 giri dalla lavatrice altrimenti per l'asciugatrice ci vorrà più tempo, e lavoro, quindi consumerà di più.

Lavatrici

Con una lavatrice con ciclo a 800 giri i panni hanno la giusta dose di umidità per passare all'asciugatrice, altrimenti come si diceva è più problematico. Ma se fossero centrifugati ancor di più asciugarli comporterebbe meno tempo e meno energia.

Una lavatrice ottimale sarebbe quella che può raggiungere i 1200 giri. All'estero, dove le asciugatrici sono molto più comuni, le lavatrici vengono prodotto con velocità di centrifuga che arrivano anche a 2000 giri, questo permette all'asciugatrice di arrivare a 1600 giri con cicli più brevi e meno dispendiosi.

È importante saper scegliere in modo da abbinare al meglio i due elettrodomestici.

Ciclo dell'asciugatrice

Dopo aver lavato i capi questi vengono passati nell'asciugatrice e qui è necessario scegliere un programma adatto innanzitutto al tessuto che dobbiamo asciugare e poi alle nostre esigenze di stiratura.

Per esempio se intendiamo stirarlo subito possiamo lasciare il bucato leggermete umido di modo che la stiratura risulti più semplice. Se invece è biancheria che non abbiamo intenzione di stirare, possiamo scegliere un programma antipiega che asciughi completamente il bucato. Tanto per fare un esempio potrebbe essere una soluzione per gli asciugamani e accappatoi. Oppure per le coperte al cambio di stagione.

Consumi

Ovviamente l'uso di un'asciugatrice farà aumentare i vostri consumi, ma se scegliete un modello ad hoc e lo utilizzate secondo le istruzioni e nel modo migliore almeno non sprecherete energia, risorse e farete del bene all'ambiente.

A questo proposito non fatela mai funzionare a mezzo carico, ma programmatene il funzionamento e scegliete il ciclo che più si adatta a tessuto ed esigenze.

Infine occupatevi sempre del filtro per garantire l'ottimale resa dell'elettrodomestico, come con le lavatrici. Anche qui la manutenzione ordinaria è d'obbligo se si vuole mantenere le macchine in un ottimo stato di efficienza. Non è una novità.

Per un corretto utilizzo

Consigli pratici per come sfruttare il nostro elettrodomestico nel modo migliore.

Pomelli AsciugatriceAbbiamo scelto la nostra nuova asciugatrice con dimensioni di ingombro simili alla lavatrice e l'abbiamo posizionata, sopra o accanto alla lavatrice.

Naturalmente, non ci stancheremo mai di dirlo, nella scelta bisogna tener conto del rapporto qualità prezzo, della classe energetica, dei consumi. Vale la pena spendere un pochino di più all'inizio per un risparmio nel tempo.

Le asciugatrici sono prodotte con vari programmi studiati appositamente per andare incontro alle esigenze della famiglia e che non rovinano i vostri capi. Si può scegliere il grado di umidità, fare il programma antipiega o anti-infeltrimento, ma anche rinfrescare la biancheria senza lavarla.

Il produttore avrà sicuramente corredato la macchina di un utile manuale d'uso con le istruzioni per il funzionamento e i consigli. Leggetelo attentamente e tenetelo sempre a portata di mano.

Scegliete sempre il programma più adatto al tipo di biancheria che dovete asciugare, con particolare attenzione alla lana. Come si può ben comprendere il tempo di asciugatura dipende dal tipo di ciclo scelto.

Quali sono i vantaggi

Oltre a non avere più in giro per casa stenditi o biancheria posata sui caloriferi nella stagione invernale, si avrà un bucato più morbido.

Le alte temperature non rovinano i capi, bensì eliminano il calcare dell'acqua che la centrifuga riesce a dissipare solamente in parte e che altrimenti rimarrebbe intrappolato nelle fibre del tessuto.

Da questo punto di vista, oltre a non mettersi addosso il calcare senza nemmeno saperlo, avremmo dei capi che si conservano più a lungo e più profumati visto che aria di casa, magari viziata da fumo e odor di cibo, o smog esterno non aiutano ad avere capi con un buon odore di pulito!

I vari modelli

Non dipendono solamente dalla marca, ma anche dal modello. Gli apparecchi più costosi sono dotati di una più vasta gamma di programmi che possono andare incontro alle vostre esigenze.

Alcuni modelli hanno dei sensori che possono rilevare l'umidità residua dei capi e regolare il tempo di asciugatura in relazione alle esigenze. Un ciclo può durare anche solo mezzora, oppure fino a due ore, dipende dal risultato che volete ottenere.

Nella scelta della vostra asciugatrice  una cosa di cui dovete tener conto. Come si è detto poi preferite quelle in classe energetica “A”, costano di più, ma vi faranno risparmiare.

Per contenere i consumi

A parte i suggerimenti dati in precedenza fate funzionare la vostra lavatrice alla massima potenza di centrifuga in modo che riesca a scaricare più acqua possibile dai panni, meno sono intrisi d'acqua, meno tempo impiegherà l'asciugatrice.

Se potete fatela funzionare in orario serale, oppure notturno. Molto spesso c'è la possibilità di avere una tariffa bi-oraria e la corrente in queste fasce viene erogata a fonte di una minor spesa.

Utilizzate programmi a basse temperature ed evitate di farla funzionare se la giornata è bella e potete stendere all'aperto, al sole. Sempre che non abitiate nei pressi di una strada trafficata!

Consigli per la manutenzione

Per farla durare più a lungo dovete manutenerla regolarmente.

Consigli utiliVorrei suggerire ancora qualche consiglio per il vostro bucato: come per la lavatrice, infilate i vostri capi delicati in una federa oppure in uno di quei sacchettini che vendono nelle mercerie, in modo che non vengano sballottati all'interno del cestello e non si rovinino magari agganciandosi con bottoni e rischiando d'essere strappati.

A questo punto la prima cosa da fare, nel caso l'asciugatrice sia a condensazione, è di svuotare la vaschetta dell'acqua. Riciclatela per il ferro da stiro! È senza calcare. Alcuni modelli vi avvisano quando è piena, altrimenti fatelo dopo ogni asciugatura, diventerà un'abitudine e non vi scorderete di farlo.

Se dovesse succedere e l'acqua finisse sul pavimento... alt! Staccate prima la corrente e poi asciugate. È sempre meglio non avere i piedi nell'acqua e stare a contatto con cose elettriche. Quindi dopo aver tolto la corrente, staccate la spina dell'asciugatrice e tirate su l'acqua dal pavimento. Svuotate la vaschetta e poi infilate la spina e date corrente.

Filtri ed altri particolari

Nel manuale d'uso il costruttore avrà di sicuro segnalato come pulire i filtri dai residui di tessuto che vi si possono infilare. È bene che anche questa operazione sia fatta regolarmente, in modo che non siano mai intasati, comprometterebbero il funzionamento e la durata della macchina.

Se vi accorgete che non funziona bene rivolgetevi ad un centro di assistenza autorizzato che saprà come prendersi cura del vostro elettrodomestico nel modo migliore.

La manutenzione va eseguita regolarmente e anche l'esterno va tenuto pulito. Controllate quali prodotti potete usare per non rovinare la verniciatura.

Le sospirate vacanze

Come per gli altri elettrodomestici, quando non si usano oppure si va in vacanza anche solo per il fine settimana, è bene scollegare dalla rete di alimentazione anche l'asciugatrice. È una precauzione utile.

Lasciate l'oblò o lo sportello di carico aperto in modo da consentire l'areazione e non abbandonate nulla all'interno del cestello. In questo modo non si produrranno cattivi odori.

Pulite la vostra macchina esternamente e controllate i filtri. Svuotate la vaschetta dell'acqua per non lasciare che rimanga a ristagnare per giorni, o settimane. Non va mai bene e... divertitevi in vacanza!

In ultimo

Non ne abbiamo parlato finora, non per dimenticanza, ma perché lo ricordiamo fin troppo spesso è però davvero molto importante che all'acquisto controlliate la marcatura e acquistiate sempre elettrodomestici certificati. Garantiscono una maggior sicurezza.

La garanzia dura due anni per legge per i privati. Ricordatevi di spedire il certificato alla ditta costruttrice e di seguire le istruzioni del costruttore il quale avrà anche spiegato la procedura per l'installazione a seconda del modello o di dove andremo a posizionarla.

Nella connessione alla rete NON utilizzate prolunghe, è sempre meglio non farlo.